GMG Diocesana – Domenica delle Palme

Ogni anno in tutte le diocesi del mondo, la Domenica delle Palme è, per volere di San Giovanni Paolo II, la Giornata Mondiale della Gioventù! Con il nome di “GMG diocesana” viviamo anche quest’anno, insieme a tutti i giovani della diocesi e con il nostro Vescovo Edoardo, questo momento di Chiesa Universale.

La GMG diocesana 2019 verrà celebrata a Montalto Dora domenica 14 aprile. Il tema riprenderà ciò che si è celebrato nella GMG di Panama, assieme a Papa Francesco, a proposito dei giovani e dei loro sogni.

In quest’anno, dedicato particolarmente a loro, sarebbe bello che partecipassero tutte le realtà giovanili presenti in diocesi, segno di una Chiesa che cammina con e per tutti i giovani.

Ad accompagnarci saranno le parole di Papa Francesco sui sogni dei giovani e l’icona della Pietà.

Papa Francesco ha detto ai giovani:

“I sogni sono importanti. Tengono il nostro sguardo largo, ci aiutano ad abbracciare l’orizzonte, a coltivare la speranza in ogni azione quotidiana. E i sogni dei giovani sono i più importanti di tutti. Un giovane che non sa sognare è un giovane anestetizzato; non potrà capire la vita, la forza della vita. I sogni ti svegliano, di portano in là, sono le stelle più luminose, quelle che indicano un cammino diverso per l’umanità. Ecco, voi avete nel cuore queste stelle brillanti che sono i vostri sogni: sono la vostra responsabilità e il vostro tesoro. Fate che siano anche il vostro futuro! E questo è il lavoro che voi dovete fare: trasformare i sogni di oggi nella realtà del futuro, e per questo ci vuole coraggio”.

E poi l’icona della Pietà. Sul Golgota la Vergine Maria sorregge il corpo di Gesù deposto dalla Croce sulle sue ginocchia, prima che sia portato nel sepolcro. Inoltre quello della Pietà è stato un sogno ricorrente di Madre Teresa di Calcutta. I poveri sono l’immagine di Cristo, lei, Madre Teresa, la madre dei poveri. L’immagine di dolore evoca le sofferenze di tutte le madri in un grido che attraversa il tempo: l’immagine è vibrante, l’immagine è sorprendente.

Nella GMG di quest’anno la Pietà cristiana e il linguaggio del teatro si congiungono come in una scena eterna di compassione. La madre addolorata sta accanto al figlio morto.

Dal sogno nasce quindi una nuova figura della Pietà: quella dove il povero è il Cristo affidato alle braccia amorevoli di una madre nelle vesti di Madre Teresa o di chiunque veda nel povero il Cristo da amare.

Ha scritto Madre Teresa:

“Se voltiamo le spalle ai poveri, noi voltiamo le spalle a Cristo, e al momento della morte ci sarà domandato se abbiamo riconosciuto in essi Cristo, che cosa abbiamo fatto per loro, e su questo verremo giudicati. Perciò io faccio appello a ciascuno di voi, povero e ricco, giovane e anziano, perché ognuno presti le proprie mani a servire Cristo nei suoi poveri e il proprio cuore ad amarlo in essi. Possono essere lontani o vicini, poveri materialmente o spiritualmente, affamati di amore e di amicizia, ignari delle ricchezze dell’amore di Dio per loro, senza casa alla ricerca di un rifugio edificato dall’amore nel tuo cuore, e dal momento che l’amore comincia in casa, potrebbe darsi che Cristo sia affamato, nudo, ammalato o senzatetto nel tuo stesso cuore, nella tua famiglia, nel tuo vicinato, nel paese in cui vivi, nel mondo.”

Nel concreto, la GMG diocesana 2019 si svolgerà in tre momenti.

  1. Il primo momento prenderà vita dalle 17 alle 19:30 nell’Anfiteatro comunale “Angelo Burbatti” e avrà un taglio più artistico, missionario e di ascolto attraverso la rappresentazione del Musical sulla vita di Madre Teresa di Calcutta “Una matita nelle mani di Dio”. Attraverso il linguaggio teatrale si vuole promuovere la sensibilizzazione dei giovani nel sociale e nel mondo del volontariato attraverso la presentazione della testimonianza di Madre Teresa di Calcutta, una donna che ha segnato la storia con la sua umiltà: una “matita nelle mani di Dio”, come si definiva lei. Inoltre sarà un’occasione per fare del bene e sostenere iniziative e progetti di gruppi missionari e associazioni del territorio che si adoperano a favore dei più poveri. Giovani che vogliono parlare ai giovani di volontariato attraverso il teatro, giovani che sostengono e diffondono idee di solidarietà, giovani che si impegnano per realizzare un progetto ambizioso: fare del musical “Madre Teresa” un importante strumento di aggregazione, condivisione e diffusione della realtà solidale di cui è ricca la nostra terra. Per il musical l’ingresso è gratuito ma la prenotazione è obbligatoria e si fa cliccando qui.
  2. Una volta terminato il musical, alle ore 20, nel salone parrocchiale, ci sarà un secondo momento più conviviale, di festa e di cena insieme, durante il quale vedremo il video e ascolteremo la testimonianza dei giovani che hanno partecipato alla GMG di Panama nello scorso mese di gennaio. Anche per la cena bisogna prenotarsi cliccando qui.
  3. Il terzo momento, alle ore 21, concluderà la giornata nella chiesa parrocchiale e sarà la veglia di preghiera, cuore della GMG diocesana, presieduta dal nostro Vescovo Edoardo e animata dai giovani, per affidare a Maria tutti i giovani della nostra Diocesi.

Si può partecipare anche solo ad uno dei tre momenti, ricordandosi che per i primi due bisogna prenotarsi cliccando qui.

Rendiamo questo appuntamento sempre più bello con la nostra presenza, la nostra passione per l’appartenenza alla Chiesa diocesana, il nostro coraggio di dire, come giovani, “Sì ci siamo!”. 

Vi aspettiamo … per sognare in grande!

Per info: pgivrea@gmail.com

0 commenti

Lascia un Commento

Want to join the discussion?
Feel free to contribute!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *