Pellegrinaggio dei giovani in TERRA SANTA

terra-santa-opt

Programma indicativo (ordine delle visite passibile di variazioni)

 

1° giorno – venerdì 18 agosto  (breve sosta sulla spiaggia all’acquedotto di Cesarea)

Italia/Tel Aviv Lod/Nazareth

Ritrovo all’aeroporto di partenza. Accettazione e decollo con volo di linea per Tel Aviv. All’arrivo, trasferimento in pullman a Nazareth. Sistemazione in hotel, cena e pernottamento.

 

2° giorno – sabato 19 agosto

Nazareth-Monte Tabor/Cana/Lago di Tiberiade-Nazareth

In mattinata, partenza per il Monte Tabor, salita a piedi. Visita alla Chiesa della Trasfigurazione. Discesa (sempre a piedi) e partenza per Cana. Visita della chiesa costruita in ricordo al primo miracolo di Gesù. Salita in bus al Monte delle Beatitudini dove sorge la chiesa che ricorda il Discorso della Montagna. Inserita al centro di un parco, la chiesa ha pianta ottagonale e all’esterno è circondata da un portico che offre un indimenticabile panorama sul lago e sulla pianura di Genesaret. A Tabgha visita della Chiesa benedettina che ricorda il miracolo della moltiplicazione dei pani e dei pesci – rappresentato nel mosaico attorno all’altare – e alla vicina Chiesa del Primato di Pietro. A Cafarnao visita della grande Sinagoga e del villaggio con i resti della casa di Pietro, osservabili dall’interno della sovrastante Chiesa moderna. Traversata del Lago in battello. Rientro in hotel per cena e pernottamento.

 

3° giorno – domenica 20 agosto

Nazareth/Gan Ha Shlosha-Betlemme

Mattinata a Nazareth. Visita della città: la Basilica e la grotta dell’Annunciazione, la Chiesa di San Giuseppe, la Sinagoga dove Gesù si proclamò Messia, il Pozzo della Vergine nella cripta della chiesa greco-ortodossa di San Gabriele e la Fontana. Pomeriggio all’interno del Parco di Gan Ha Shlosha. Visita al mulino ad acqua ed al Museo Regionale di Archeologia Mediterranea. Tempo a disposizione per immergersi nelle acque termali del Parco. Partenza verso sud. Arrivo a Betlemme. Sistemazione in hotel. Cena e pernottamento.

 

4° giorno – lunedì 21 agosto

Betlemme-Mar Saba/Hebron/Betlemme

In mattinata, escursione a Mar Saba. Visita dall’esterno ad uno dei monasteri greco ortodossi meglio conservati. Trasferimento ad Hebron. Visita alle ‘Tombe dei Patriarchi’. Rientro a Betlemme. Nel pomeriggio visita al Santuario del ‘Gloria in Excelsis’ presso il Campo dei Pastori a Beith Sahur ed alla Basilica della Natività, fondata nel 326 da Costantino sul luogo dove sorgeva la Grotta Santa. Cena e pernottamento in albergo.

 

5° giorno – martedì 22 agosto

Betlemme/Gerusalemme

Trasferimento a Gerusalemme. Giornata dedicata alla commemorazione della Passione, Morte e Resurrezione di Gesù. Salita al Monte degli Ulivi: visita  alla Chiesa del Pater; scendendo verso il Getsemani, sosta alla Cappella del Dominus Flevit, visita alla Chiesa della Tomba della Vergine, alla Grotta del Tradimento, all’Orto degli Ulivi e alla Basilica delle Nazioni con la ‘Roccia dell’Agonia’. Preghiera al Romitaggio. Nel pomeriggio visita al quartiere di Bethesda, presso la porta di Santo Stefano, con la Chiesa crociata di Sant’Anna e i resti della Piscina Probatica. Percorso della Via Dolorosa partendo dall’arco dell’Ecce Homo, con sosta al Litostrotos e arrivo al Golgota nella Basilica del Santo Sepolcro, il luogo più sacro e più caro a tutta la cristianità. Al centro della Rotonda (Anàstasis) s’innalza l’Edicola della Tomba, nella quale si trova – preceduta dalla cappella dell’Angelo – la stanza funeraria dove fu deposto il corpo di Gesù. Sistemazione in hotel. Cena e pernottamento.

 

6° giorno – mercoledì 23 agosto   sveglia PRESTO (valutare se fare percorso lungo o breve)

Gerusalemme-Wadi el Kelt/Qasr El Yahud/Mar Morto/Ein Gedi-Gerusalemme

Al mattino, trasferimento in bus nel Deserto di Giuda, nei pressi di Almon (Ein Prat-Ein Fara Reserve apre alle 8.00) dove si trova il Monastero ortodosso Khariton  (5 ore di cammino circa). Partenza a piedi, passando lungo il Wadi el Kelt (sentiero sterrato – Prat River) e arrivo alla Gerico Erodiana. Vista al sito del battesimo di Gesù (Qasr el Yahud). Breve tempo libero per un bagno nelle acque salmastre del Mar Morto. Nel pomeriggio, visita al parco di Ein Gedi, una riserva naturale con una vegetazione pressoché unica: vi si trovano 15 specie diverse di alberi che esistono solo in questa zona; animali come lo stambecco, gli iraci, la volpe e la iena. Risalendo un sentiero, in parte scavato fra i sassi e protetto da un parapetto, è possibile raggiungere la più importante sorgente dell’oasi. Questa, sgorga dalla roccia a 300 m circa di altezza sul Mar Morto e, cadendo dalle rocce con una piccola cascata forma un fresco laghetto. Al termine della visita, rientro in hotel a Gerusalemme. Cena e pernottamento.

 

7° giorno – giovedì 24 agosto

Gerusalemme

In mattinata, salita presto alla Spianata delle Moschee (Monte del Tempio), proseguimento con la visita del quartiere ebraico, sosta al Muro Occidentale, noto erroneamente come ‘del Pianto’, l’unica parte superstite delle mura costruite da Erode per sorreggere l’enorme terrapieno su cui sorgeva l’antico Tempio di Gerusalemme, distrutto dai soldati romani nel 70 d.C.. Percorrendo il Cardo Massimo arrivo alla Sion Cristiana, con il Cenacolo – dove la tradizione colloca il luogo dell’Ultima Cena – e la Chiesa della Dormizione di Maria. Discesa a piedi alla Chiesa di San Pietro in Gallicantu. Trasferimento in bus alla porta di Jaffa. Tempo libero in Città Vecchia. Cena e pernottamento in hotel.

 

8° giorno – venerdì 25 agosto

Gerusalemme-Ein Karem-Tel Aviv Lod-Italia

In mattinata, ad Ein Karem, salita al Santuario che ricorda la visita di Maria a Elisabetta e visita alle Vetrate di Mark Chagall, che decorano la Sinagoga dell’Hadassah Medical Center. Trasferimento per l’aeroporto di Lod Tel Aviv. Operazioni di sicurezza e controllo. Decollo con volo di linea per l’Italia.


 

Documenti: passaporto individuale valido almeno 6 mesi oltre la data di effettuazione del pellegrinaggio. Al momento della prenotazione è richiesta la fotocopia del documento. I possessori di passaporto non italiano devono contattare il consolato israeliano di Roma per l’eventuale visto consolare.

0 commenti

Lascia un Commento

Want to join the discussion?
Feel free to contribute!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *